PRIMI

Ribollita

Autori

Luca Pappagallo

Tempo di preparazione: 40 min

Tempo di cottura: 50 min

Tempo di riposo: 8 h

Dosi per: 4 persone

Metodo di cottura: Lessare, Stufare

Stagioni: Autunno, Inverno

Servizio: Caldo

Difficoltà: Facile

La ribollita è un piatto buonissimo, ricco di verdure e legumi, che si consuma principalmente in autunno o in inverno e che affonda le sue radici nella splendida regione della Toscana.

La ribollita è una pietanza molto povera che sembra essere nata nelle case dei nobili che davano ai servi i loro gli scarti come pane avanzato dal pasto o verdure non consumate. La ricetta della ribollita non è difficile da realizzare, la parte più difficile è la pulizia delle verdure.

Chi ha provato almeno una volta a fare o mangiare la ribollita avrà visto che si tratta di una gran bel piatto di recupero. Si pensa che sia nato durante il Medioevo quando i nobili consumavano le zuppe e la cacciagione soprattutto all'interno di grossi pani e quando non ne avevano più voglia davano quel pane ai loro servi. Quest'ultimi lo facevano appunto ribollire unendolo a verdure povere, per dare ad esso maggiore sapore. Questo piatto è tutt'oggi molto preparato soprattutto dalle massaie toscane dell'entroterra che uniscono a tutti gli ingredienti estrema saggezza!

In questa versione, che può differire da altre, trattandosi di una ricetta a carattere familiare, oltre alle verdure troviamo i legumi.

Provate la nostra ricetta!

Ingredienti

Preparazione

Quando volete fare la ribollita, per prima cosa fate un ricco battuto con sedano, carote, prezzemolo, cipolle e aglio, quindi trasferitelo in una casseruola con un giro di olio.

1

Mentre il soffritto va, pulite il cavolo nero semplicemente sfilando dalla costa la foglia.
Tagliate a pezzettini e aggiungetelo in pentola.
Passate alla bietola eliminando i fondi e tagliate a pezzetti.
Ora tagliate anche il cavolo cappuccio e aggiungetelo in pentola con le altre verdure.
Tagliate le patata e il pomodoro a cubetti e aggiungeteli.

2

Aggiungete un po’ di concentrato di pomodoro, leggermente stemperato in poca acqua, salate e coprite con il brodo caldo.
Coprite e cuocete per almeno 25 minuti.
Trascorso questo tempo, scoperchiate e aggiungete i fagioli già cotti, una parte interi e una parte frullati con un po' del loro liquido di cottura o con un po' di brodo
Amalgamate il tutto, assaggiate e regolate di sale e pepe.
Cuocete per altri 5 minuti, spegnete, coprite e fate riposare per 1 notte.

3

Il giorno successivo fatela ribollire per almeno 10 minuti.
Al momento di servire, disponete le fette di pane tostato su una teglia, coprite con la zuppa, adagiate altre fette di pane e aggiungete ancora zuppa fino a coprire completamente.
Se avete voglia di provare una versione più ricca, infornate la teglia cosparsa di tanto formaggio grattugiato e fate gratinare.

Servite e buon appetito!

4

Servite!

RICETTE CORRELATE

Articoli correlati

Pappa

La cucina toscana

Leggi tutto

Febbraio: la lista della spesa. Cosa comprare e cosa cucinare

Febbraio: la lista della spesa. Cosa comprare e cosa cucinare

Leggi tutto