INGREDIENTI

Aglio

Autori

Luca Pappagallo

Kcal

Kcal x 100gr: 41

Allergie

Allergeni: -

Stagionalità

Stagionalità: Primavera, Estate, Autunno, Inverno

Alimentazioni

Alimentazioni: Onnivora, Vegetariana, Vegana, Crudista

L'aglio (Allium sativum) è una pianta che si presenta come un bulbo composto da più spicchi.

La sua riproduzione avviene solo dividendo e selezionando gli spicchi e piantandoli separatamente con la punta verso l'alto da dove spunterà il germoglio.

Le sue origini si perdono nella notte dei tempi, ma con assoluta certezza si possono collocare in Asia anche se ben presto si diffuse in tutto il bacino del Mediterraneo.

In particolare se ne trovano tracce in Egitto dove questo bulbo viene rappresentato anche nei geroglifici all'interno delle piramidi e sembra che sia stato utilizzato per garantire una buona salute agli schiavi.

Le sue proprietà benefiche sulla salute sono note sin dai tempi più antichi, come già citato veniva utilizzato in Egitto ma anche anche nel Medioevo le sue proprietà antisettiche e antibatteriche erano già note al punto tale da sfruttare il suo succo per imbibire delle mascherine a proteggere da malattie e infezioni.

Al giorno d'oggi note sono le sue proprietà antibatteriche e antisettiche ma anche come antiossidante, antitumorali, diuretico e come coadiuvante nel contrastare raffreddori e influenze.

Questi benefici non fondano le loro origini soltanto nelle credenze e negli usi delle varie culture nelle quali l'utilizzo dell'aglio è largamente diffuso, ma oggigiorno anche la scienza porta prove a supporto di questi, in particolare l'Università di Liverpool, grazie ad uno studio specifico, ha riscontrato che un uso quotidiano può ridurre l'incidenza di attacchi cardiaci.

In cucina il suo sapore in alcune preparazione è assolutamente indispensabile a partire dalla preparazione del pesto classico ma anche nella bagna cauda, nell'aiolì o nella tzatziki.

Molteplici sono comunque le ricette che prevedono il suo utilizzo e nelle quali la sua assenza porta ad un risultato completamente diverso come per esempio nelle bruschette o nei soffritti o marinate per aromatizzare carne o pesce.

Molti lamentano una difficoltà nella digestione di questo ingrediente che sembrerebbe migliorare se si rimuove il germoglio verde presente al cuore dello spicchio stesso, in alcune ricette, per ammorbidirne il sapore forte, viene cotto nel latte.

Autori

Luca Pappagallo