Secondi

Cinghiale alla cacciatora

Il cinghiale alla cacciatora di Casa Pappagallo è un secondo rustico e saporito, di quelli che piacciono sempre a tutti. Si tratta di una ricetta tradizionale italiana che molto spesso ha subito variazioni in base alla ricetta che si tramanda di famiglia in famiglia. C’è chi ad esempio ci aggiunge i pomodorini o chi il pomodoro non lo mette affatto. Questa è la nostra versione, ci vuole un po’ di tempo per farlo ma ne vale la pena!

La cottura lenta, a fiamma bassa rende questa carne tenera anche se non lo è in origine. Sembra essere nato in Toscana, ma per la sua bontà si è diffuso via via in tutto lo stivale assumendo connotati anche differenti.

Il segreto per rendere speciale il cinghiale alla cacciatora è quello di fargli perdere l’acqua all’inizio della cottura perché con essa andrà via anche il forte sapore pungente di selvatico.

Provate la nostra ricetta del cinghiale alla cacciatora e ci darete ragione!

Ingredienti

Polpa di cinghiale 1,5 kg

Carota 1

Cipolla 1

Sedano 1 costa

Spicchi di aglio 2

Peperoncino rosso piccante 1

Bacche di ginepro 1 cucchiaio

Alloro 3 foglie

Salvia 1 rametto

Rosmarino 2 rametti

Vino rosso 500 ml

Passata di pomodoro 800 gr

Olive nere 150 gr

Olio EVO q.b.

Sale q.b.

Tagliate il cinghiale a pezzi dopo averlo pulito, mettetelo in una padella fredda, senza alcun condimento, accendete il fuoco e scaldatelo. In questo modo vedrete che piano piano rilascerà acqua e quell’odore di selvatico caratteristico.

Ora toglietelo dalla padella e fatelo riposare facendogli abbassare la temperatura.

Nel frattempo tagliate a tocchetti la cipolla, carota e sedano, mettete prima in una padella con olio e aglio la cipolla, poi aggiungete il sedano e le carote, se vi piace aggiungete un peperoncino, mescolando sempre.

Aggiungete dopo 5 minuti il cinghiale fatelo soffriggere e dopo qualche minuto aggiungete il vino. Fate sfumare per bene e quando la parte alcolica sarà evaporata, aggiungete gli insaporitori: il ginepro, il rosmarino, qualche foglia di salvia e l’alloro. Salate modestamente e cuocete finché tutto il vino non sarà completamente evaporato.

A questo punto mettete il fuoco al minimo e aggiungete il pomodoro. Coprite con un coperchio, lasciando un piccolo sfogo e cuocete per almeno un’ora e mezzo, ma molto probabilmente ce ne vorranno due.

Trascorso questo tempo, quando avrà preso le sembianze di uno spezzatino, assaggiate e controllate il sale nel caso aggiungetene. Solo a questo punto aggiungete le olive, eliminate gli odori e impattate magari accompagnandolo con della polenta.

Buon appetito!

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *