Secondi di carne

Agnello e carciofi

Che buono l’agnello e carciofi. Una ricetta rustica e antica che si usa fare soprattutto nel periodo di Pasqua quando questi due ingredienti sono perfetti per essere abbinati.

Un secondo piatto di carne che affonda le sue radici nella cultura gastronomica ebraica. Qui questi elementi sono simboli religiosi oltre che vere pietanze e non possono mai mancare durante le cene e i pranzi delle festività.

Un piatto molto semplice da fare, che di certo conquisterà anche il palato delle persone più esigenti.

I carciofi dal gusto delicato, leggermente amaro, si sposano in maniera perfetta con la dolcezza della carne d’agnello e il mix è proprio super!

Molto probabilmente questa ricetta è nata in Sardegna dove l’agnello è molto utilizzato per diverse preparazioni tipiche e da qui poi si è diffusa per la sua bontà in tutto lo stivale.

Se amate come noi questi due ingredienti gustosi, provate questa ricetta.

Ecco come si fa l’agnello e carciofi.

Ingredienti

Coscia di agnello disossata 1 kg

Carciofi 800 gr

Spicchio di aglio in camicia 2

Limone 1

Vino bianco 1 bicchiere

Prezzemolo 1 ciuffo

Brodo vegetale q.b.

Olio EVO q.b.

Sale q.b.

Fate a pezzettoni la coscia d’agnello già disossata. In una casseruola, possibilmente di ghisa mettete un giro di olio e poi accendete il fuoco in modo che si scaldi a modo. Mettete un paio di spicchi di aglio e quando sfrigolano aggiungete la carne.

Una volta che la carne è ben rosolata e sigillata in ogni punto aggiungete il vino bianco e fate sfumare.

Evaporata la parte alcolica aggiungete il brodo fino a coprire la carne per metà. Cuocete a fuoco medio basso coperto con un coperchio per un’oretta.

Usate questo tempo per pulire i carciofi: eliminate le foglie esterne, tagliateli prima a metà poi in 4 ed eliminate la barbetta centrale.

Tuffateli man mano in acqua acidulata con succo di limone.

Quando l’ora sarà trascorsa aggiungete i carciofi in pentola e fateli cuocere sempre a fiamma medio-bassa, per 15-20 minuti, salando adeguatamente.

A cottura ultimata aggiungete del succo di limone e una bella grattugiata di buccia e mettete anche del prezzemolo tritato che darà freschezza al piatto.

Impiattate e servite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *