Antipasti,  Cartoccio e via!,  Ricette

Polpettine di patate

Le polpettine di patate si dice sempre che siano fatte per i bambini, ma anche agli adulti non dispiacciono mica! In effetti con il loro sapore, la loro croccantezza sono irresistibili e non è davvero possibile evitare di mangiarle. Possiamo dire che sono davvero pericolose!

Qui oltre alla versione basic che possono mangiare tutti, vogliamo proporvi anche un modo particolare di servirle. Realizzeremo infatti una salsina di accompagnamento a base di peperoni in agrodolce che le rende ancora più stuzzicanti.

Ecco come fare le polpettine di patate.

Ingredienti

Patate 1 kg

Burro 150 gr

Formaggio 200 gr

Farina q.b.

Pangrattato q.b.

Per la salsa

Passata di pomodoro 300 gr

Peperone rosso 230 gr

Cipolla 40 gr

Peperoncino rosso piccante 2

Sale 1 pizzico

Aceto di vino 2 cucchiai

Zucchero 1 cucchiaio

Dopo aver lessato, senza sale, e sbucciato le patate schiacciate con uno schiacciapatate. Aggiungete poi il burro ammorbidito e un pizzico di sale, quindi inserite anche il parmigiano e se vi piace anche il pepe. Mescolate e fate raffreddare, in frigorifero, un po’ in modo che si riprenda il burro.

Nel frattempo preparate una salsetta di accompagnamento, affettando una cipolla quindi trasferitela in una padella con dell’olio, dopo qualche minuto aggiungete anche il peperone fatto a cubetti piccoli, e quando sarà tutto ben stufato, aggiungete un po’ di zucchero e l’aceto quindi fate sfumare.

Quando la nota acida sarà evaporata aggiungete anche il pomodoro. Fate restringere quindi frullatela.

Riprendete il composto di patate e fate delle palline, possibilmente delle stesse dimensioni. Rimettetele quindi in frigorifero di nuovo.

Dopo 30 minuti riprendetele e passatele prima nella farina, poi nelle uova e poi nel pan grattato. Friggetele quindi in olio bollente. La frittura deve essere abbastanza breve, quando fanno la crosticina croccante sono pronte.

Fate assorbire l’olio in accesso su carta assorbente e servite con la salsina di accompagnamento.

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *