primi

Pappardelle con il cinghiale

Che gran piatto le pappardelle con il cinghiale. Uno di quei piatti che fa domenica, che fa famiglia, che fa voglia di stare a tavola a chiacchierare per ore magari con un buon bicchiere di vino roso.

Le pappardelle al sugo di cinghiale sono un primo rustico e saporito, dal gusto intenso. La sfoglia ruvida e porosa assorbe il condimento dal forte aroma e dal profumo intenso e a ogni morso boccone si gode!

Un grande piatto della tradizione toscana che non lascia di certo indifferenti, provate a farlo e vedrete che sapore incredibile!

Ingredienti

Pappardelle 400 gr

Polpa di cinghiale 1 kg

Cipolla 1

Carota 1

Sedano 1 costa

Guanciale 200 gr

Alloro 2 foglie

Bacche di ginepro 1 cucchiaio

Olio EVO q.b.

Passata di pomodoro 600 gr

Sale q.b.

Per la marinata

Vino rosso 1 l

Prezzemolo 1 ciuffo

Spicchi di aglio 2

Sedano 1 costa

Carota 1

Alloro 3 foglie

Salvia 1 rametto

Rosmarino 3 rametti

Bacche di ginepro 1 cucchiaio

Pepe in grani 1 cucchiaio

Mettete i bocconcini di carne di cinghiale già puliti in un contenitore quindi aggiungete in esso, una costa di sedano, una carota, il prezzemolo, la salvia, il rosmarino , il ginepro e un po’ di pepe quindi coprite con il vino rosso. Coprite con una pellicola e lasciate marinare per almeno 6 ore, ma se fosse tutta la notte ancora meglio.

In una casseruola mettete del guanciale e un battuto grossolano di sedano carota e cipolla con un giro di olio. Soffriggete a fiamma bassa per non far bruciare.

Nel frattempo alzate i pezzi di carne e asciugateli con un panno quindi tagliateli a pezzettini piccoli quasi come un macinato, quindi trasferiteli in padella. Rosolateli bene e con lentezza.

In padella aggiungete qualche bacca di ginepro, l’alloro e il pomodoro pelato frullato. Impostate la fiamma al minimo e fatelo cuocere per un’ora e mezzo almeno. Aggiungete un po’ di sale e lasciate lì a cuocere. Verso la fine della cottura assaggiate per capire se serve altro sale.

Quando il ragù sarà pronto potete cuocere delle pappardelle e unirle al condimento.

2 commenti

  • Tito spaziani

    Buon giorno, è da un po che seguo le sue ricette. Per chi sa un po di cucina debbo dire che sono semplici da eseguire, riprodurre, anche con la sua sola introduzione. Una vera cucina che può riunire la famiglia intorno alla tavola , come si faceva un tempo e come cerco in tutti i modi di tramandare ai miei cari. GRAZIE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *