pappa al pomodoro
primi

Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro è un grande classico della cucina toscana. Una ricetta semplice, genuina e rustica che nasconde in sé tutta la saggezza contadina. Semplice da fare richiede solo un po’ di attenzione in alcuni passaggi.

Di questa ricetta tradizionale toscana se ne parla anche nel famoso “Il Giornalino di Gian Burrasca” ma per la sua incredibile bontà poi, è diventata la protagonista anche della celebre canzone di Rita Pavone che cantava appunto nel 1965, “W la pappa con il pomodoro” chi di voi ricorda questo ritornello?

È una ricetta perfetta da fare in estate, quando i pomodori sono dolci e saporiti.

Si tratta di una ricetta di riciclo gustosa ed economica, soprattutto economica in quanto per realizzarla si usa il pane raffermo.

L’altro protagonista indiscusso di questo piatto è il pomodoro, evidenziato dal titolo stesso della ricetta. Essendo una ricetta a carattere molto familiare, spesso si può trovare con alcune variazioni, questa è la mia versione, quella che si faceva e si fa a casa mia!

INGREDIENTI

Pomodori San Marzano 1 kg

Pane (possibilmente senza sale, raffermo e toscano) – 350 gr

Brodo vegetale q.b. 

Aglio 4 spicchi

Porri 150 gr

Concentrato di pomodoro 20 gr

Basilico 2-3 ciuffi

Sale q.b.

Olio evo q.b.

Per prima cosa pulite un porro eliminando da esso la parte verde, lavatelo e tagliatelo a fettine sottili. Fatto ciò sbucciate 3-4 spicchi di aglio e tagliateli finemente. A questo punto scaldate l’olio extravergine d’oliva in una pentola di ghisa o in una casseruola dai bordi alti magari adatto alle lunghe cotture, quindi appena avrà preso calore, tuffate in esso ciò che avete preparato.

Fate stufare il porro e l’aglio nell’olio caldo a fuoco basso.

Lavate ora i pomodori, qui abbiamo usato i San Marzano, ma vanno bene i pomodori da sugo che preferite. Praticate ora un’incisione a croce sulla parte opposta al picciolo di ciascun pomodoro e scottateli in acqua bollente per circa 1 minuto scarso senza aggiungere il sale.

Prelevate i pomodori dall’acqua bollente con un cucchiaio forato e trasferiteli in una ciotola colma d’acqua fredda magari con del ghiaccio, in questo modo sarà più semplice spellarli.

Rimuovete ora la pelle dai pomodori, quindi tagliateli a pezzettoni. Aggiungete i pomodori alla casseruola con il porro stufato, unite metà del basilico a disposizione, spezzettato a mano e il concentrato di pomodoro, ne basterà un cucchiaio, lasciate insaporire bene a fuoco moderato.

Mentre il sugo cuoce, tagliate il pane raffermo in pezzi, magari vecchio di almeno 3 giorni, unitelo alla pentola e mescolate bene in modo che assorba tutto il sugo di pomodoro.

Unite, a questo punto abbondante il brodo vegetale (circa 1,5 litri),deve coprire il resto degli ingredienti, salate qualora il brodo non fosse già salato e aggiungete il basilico rimasto. Potete aggiungere anche l’acqua se non avete voglia di fare il brodo. Il liquido aggiunto deve assolutamente coprire tutto.

Lasciate cuocere a fiamma medio bassa e a pentola scoperta per circa 35-40 minuti o fino a quando il liquido è completamente assorbito e si è formata una pappa.

Correggete di sale se necessario quindi servite la pappa al pomodoro ancora ben calda aggiungendo un’altra foglia di basilico ed un ben giro d’olio extravergine d’oliva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *