primi

Carbonara

La carbonara è una delle ricette più famose al mondo. Questo primo di origine laziale per la sua bontà si è diffuso rapidamente in tutto il mondo. Non c’è trattoria, soprattutto nei quartieri più storici di Roma, che non la proponga ai turisti e non. Il suo aspetto è irresistibile e il suo sapore pieno, avvolgente, soddisfacente! Ma come si fa a fare la ricetta della carbonara perfetta?

Spesso si rischia di avere un tuorlo liquido, o ancora peggio forse, troppo cotto rendendo questo piatto meraviglioso un qualcosa di poco appetibile. Si fa in maniera rapidissima, basta avere tutto a portata di mano e il gioco è fatto.

C’è chi ci mette la pancetta, il bacon, chi usa addirittura la panna, chi mette la cipolla, ma la carbonara originale, com’è?

Qui vi diciamo tutti i nostri trucchetti e segreti per farla in maniera perfetta, cremosa e squisita proprio come dovrebbe essere.

Ingredienti

Mezze maniche 400 gr

Guanciale 250 gr

Pecorino 200 gr

Tuorli d’uovo a pasta gialla 4

Uova a pasta gialla 1

Sale q.b.

Pepe nero q.b.

Per fare la ricetta della carbonara originale per prima cosa in una casseruola mettete il guanciale tagliato a stricioline, accendete il fuoco e fate sciogliere il suo grasso lentamente, girando di tanto in tanto.

In un contenitore da parte mettete le uova con i tuorli quindi aggiungete il pecorino grattugiato e il parmigiano. A me piace fare metà e metà se il pecorino è molto stagionato, quindi mescolate bene aggiungendo anche un pizzico di pepe.

Cuocete ora la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela al dente. Togliete il guanciale dalla padella, e aggiungete un mestolino di acqua di cottura nella padella. Trasferite quindi lì la pasta e fatela insaporire con il grasso rilasciato in padella. Togliete dal fuoco quando c’è un residuo di liquido, smuovete un po’ la pasta per farla raffreddare e aggiungete la salsa di uova.

Mescolate come per mantecare, aggiungete il guanciale e mescolate ancora, quindi impiattate aggiungete se volete un altro po’ di pepe.

30 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *